Il viaggio di Arlo

Dimenticate quello scritto sui libri di storia: nessun asteroide ha colpito e estinto i dinosauri, anzi.
Milioni e milioni di anni dopo eccoli, forse più civilizzati degli umani che ancora camminano a quattro zampe e grugnire, che coltivano la propria terra, costruiscono piccole case e parlano.

Tra tutti questi troviamo Arlo, piccolo apatosauro che dopo un paio di incidenti iniziali che segneranno la sua vita, si ritrova lontano da casa, impaurito da un mondo che non conosce e con intenzione di ritornare dalla mamma. Ad affrontare questo lungo viaggio, Spot, un cucciolo di umano, più simile ad un cagnolino, che seguirà fedelmente Arlo in questo viaggio, fino a far nascere un legame profondo tra i due.

Ancora piangiamo per Inside Out che ecco uscire il secondo film Pixar di questo 2015. Peccato non se ne sia parlato molto, dato che, sicuramente non raggiunge le vette narrative e raffinate di Inside Out, ma sicuramente è uno di quei film Pixar minori, che vengono realizzati sempre con la stessa cura maniacale che serve a restituire la magia allo spettatore.
Film destinato più ad un pubblico piccolo che non si farà problemi a vedere una storia che ha quel gusto di “già visto” ma che cerca di veicolare i messaggi della crescita, dell’amicizia, della famiglia grazie ad una formula già testata al cinema, quello del viaggio per ritrovare casa.

E sarà così che Arlo supererà le sue paure, crescerà e capirà il valore di alcune frasi dette dai genitori per incoraggiarlo al mondo che c’è fuori dalla loro zona abitativa.
Un chiaro film minore della Pixar che si eleva da altri della stessa categoria (Cars, Cars 2, Brave, Monsters University) per una cura nel dettaglio e in particolare degli effetti dell’acqua e dell’ambiente circostante.
Simpatico e originale il capovolgimento di alcuni iconici ruoli di dinosauri, come una famiglia di Tirannosauri, sempre cattivi e sanguinari, qui invece aiuteranno il piccolo apatosauro a tornare a casa e ha lasciargli una delle lezioni di vita più importanti e fondamentali per la crescita.
Se vi aspettate il capolavoro o il film originale, come era Inside Out, sbagliate e potreste correre il rischio di rovinarvi la visione.
Il viaggio di Arlo è un classico film di formazione con il tocco magico della Pixar, che vi farà uscire sicuramente la lacrima negli ultimi minuti.

Voto finale: 7,5/10

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: