Contagious – Epidemia mortale

Nota: alla fine del post ci saranno dei link Amazon di film citati nel testo e/o consigli per film simili. Acquistando da quei link, avrete modo anche di sostenere il blog. Grazie.

Un prodotto come Maggie, finisce dritto in quello spazio, quel limbo metafisico dove inserire quei film a cui non si riesce a dare una definizione o un voto specifico: sono film che per alcuni motivi e altri non riescono ad essere belli ma neanche poi così brutti.

Maggie è un particolarissimo zombie-movie che di questo filone non ha nulla. Il mondo esce fuori da un’infezione che ha decimato gli umani, ma ora tutti sono pronti per ricominciare ma qualche infetto è ancora fuori. Come da prassi, un semplice morso di questi infetti inizierà il processo di trasformazione irreversibile che durerà delle settimane. C’è la zona di quarantena dove tenere tutte queste persone e attendere la trasformazione oppure c’è la possibilità di passare alcuni giorni con la propria famiglia e in prossimità della trasformazione completa, andare nella zona di quarantena.
Maggie, appena morsa da un infetta, verrà prelevata dal padre (Schwarzenegger) che deciderà di passare gli ultimi giorni con lei prima della completa trasformazione, la morte.
Alcuni lamentavano una specie di plagio da parte del regista, che ha diretto e scritto il film, a prodotti videoludici come The Last of Us, anche se il paragone tale non sussiste: prima di tutto nel mettere a confronto un film con un videogioco, secondo perchè le dinamiche sono differenti, dato che il videogioco propone un mondo alla deriva, umani raggruppati in piccole cittadelle e non riescono a ripartire e alla base c’è il concetto di sopravvivenza. Maggie alza il tiro e narra una vicenda lontana ma che cerca di essere vicina, la vicina perdita della figlia, prepararsi alla sua scomparsa. Un po’ come ha fatto Moretti con il suo Mia Madre, si cerca l’approccio interrogativo: se la trasformazione avverrà prima, dovrò ucciderla? Avrò la forza di metterla in quarantena quando arriverà il momento? La nasconderò dentro casa, nonostante sia diventata uno zombie e non lo dirò a nessuno?

Il rapporto con l’altro, con il mostro (la relazione padre-figlia vista come se quest’ultima sia una tossicodipendente) punta a pochi gesti, qualche immagine, in alcuni tratti simile al Warm Bodies visto pochi anni fa: l’integrazione (per poco) dell’umano che diventa mostro e la consapevolezza, la freddezza di sapere che la morte è in arrivo.
Quindi, perchè quella premessa iniziale? Perchè è un prodotto che si fa odiare. E’ un film che un distributore nel momento dell’acquisto potrebbe chiedersi “ma a che tipo di pubblico posso indirizzarlo? Non si spara, gli zombie ci sono, ma inseriti solo per giustificarne il genere zombie-movie e non sono loro la minaccia”. Quindi la natura stessa del film, un ibrido di cose, situazioni e scene messe insieme, non valorizza il lavoro svolto.
Di contro, c’è una regia che cerca di dar significato a piccoli gesti e un’ambientazione, una fotografia povera, cupa, polverosa, marcia. Un sapore di morte. Un film che parla di morte e trasmette esattamente questo.

Voto finale: 5/10

Titoli citati e/o consigliati
Warm Bodies – DvdKindle
The Last of Us – PS3PS4

Annunci

3 commenti

  1. Hai colto perfettamente i motivi per cui Contagious è stato un flop: ha scontentato i fan di Arnold perché non si spara, ha deluso i fan degli zombie – movie perché la loro presenza è ridotta al minimo. Bastava inserire 4 o 5 scene di pochi minuti in cui Arnold sparava agli zombie per accontentare tutti e incassare il triplo.

    1. Alla fine tanto flop non mi viene da definirlo. E’ uno zombie movie atipico, è un film che parla di eutanasia, politica, governo e dipendenza da droghe, tutto narrato e costruiro su metafora di uno zombie movie.
      E’ un film riuscito a metà, ma la mia asticella è verso un prodotto interessante, pur con difetti, anche se credo sia giusto, come hai evidenziato, che tutti pensassero a uno zombie splatter con Arnie!

      1. Se gli avessero dato quell’impronta ne sarebbe venuto fuori un film favoloso. Che peccato. Grazie per la risposta! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: