Focus – Niente è come sembra

Questo 2015, escluse le uscite che riguardano film candidati agli Oscar (e anche lì ci sono state delle pellicole orrende) sembra portare al cinema solo film di un riciclo e di una banalità che mostra soltanto una grande lacuna di idee a Hollywood.
Focus ne è un chiaro esempio.

La storia è semplice, c’è Will Smith (Nicky) abile ladro e truffatore, uno dei migliori sulla piazza che incontra la figona Margot Robbie (Jess) e questa gli chiede di diventare il suo mentore e questo avviene fuori e dentro il letto. Ma l’inganno è dietro l’angolo e i due si allontaneranno per poi ritrovarsi anni dopo in circostanze pericolose.

Animato da una spinta alla Ocean’s 11/12/13 e con il classico piglio romantico/hot tra l’uomo e la donna nei classici 007, Focus è un debolissimo film che fa del suo sottotitolo italiano la sua lama a doppio taglio: da una parte c’è una curata sezione dialogata su come i borseggiatori lavorano, sul loro mondo e i loro metodi su come riciclare tutto (un po’ come quella realtà parallela di assassini vista in John Wick) ma dall’altra l’eccessiva voglia di non far mai coincidere l’appena visto con la realtà, pensando di creare uno spiazzamento da parte del pubblico, non convince, anzi rende il film più debole del previsto.
Nel momento in cui, durante i primi venti minuti del film, mi mostri e spieghi che la realtà non è mai come sembra e che dietro c’è sempre un piano, è più che chiaro capire subito il film dove andrà a parare e nel telefonatissimo finale che oltre a mostrare le debolezze, rivela l’unica cosa importante: Focus non è un thriller ma semplicemente un storia romantica (anche troppo).
Psicologie appena accennate e mai approfondite, come una sorta di mania del gioco e le scommesse da parte di lui che viene accennata ma mai portata avanti, o almeno viene narrata solo per la direzione che il film vuole prendere che evince una sceneggiatura che vive sul filo del rasoio.

Il problema, non è tanto il film, dato che potrebbe semplicemente essere una visione piacevole, ma dalla pubblicità per cui stanno vedendo il prodotto. Non è un thriller, ma uno strano incrocio tra Nicholas Sparks e Tom Clancy.

Voto finale: 5/10

Annunci

Un commento

  1. Mi trovo in perfetta sintonia con questa recensione, io ho scritto #locandinanospoiler, proprio perché ti dice già tutto in realtà, ma il finale è debolissimo e già visto, ne ho scritto anche io una recensione se ti va facci un salto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: